Connect with us

Climate Change

Il futuro può essere davvero solare?

Gaia Simonetti

Published

on

energia solare

La produzione di energia, elettrica o termica rappresenta il principale fattore di produzione di gas climalteranti. Un’azione determinata verso uno scenario Zero Emissioni in questo settore è fondamentale.

Purtroppo, siamo ancora lontani. L’attuale scenario non è in linea con gli obiettivi siglati a Parigi che negli ultimi anni hanno subito un forte rallentamento.

Questo ci dovrebbe spingere a smettere di trovare scuse sul perché non utilizzare le energie rinnovabili, e cominciare a prendere davvero in considerazione le nostre opzioni.

Può essere il futuro veramente solare?

In natura, gli alberi e le piante ogni giorno assorbono circa 3 trilioni di kwh di energia ricevuta dal sole.
Si tratta di una quantità enorme, che corrisponde a ben 50 volte i consumi elettrici globali, e 7 volte i consumi energetici totali in un anno.

In realtà ce ne è molta di più: il 99% dell’energia che dal sole arriva sulla terra viene riflessa verso lo spazio esterno una volta raggiunta la superficie.

energia solare

E se potessimo catturare il calore proveniente dal sole e trasformarlo in energia? Infatti, possiamo.

L’energia rinnovabile derivata dall’utilizzo di panelli solari è una risorsa praticamente infinita che ha visto un enorme crescita degli ultimi anni, e i numeri continuano a salire. Questo è dovuto alla riduzione dei costi collegati ad essi e a moltissimi altri vantaggi.

L’energia solare è una fonte di accesso all’energia molto democratica e flessibile. Infatti, grazie ai bassi costi infrastrutturali e operativi e la facilità di installazione permette lo sviluppo di energia sostenibile ovunque.

Esiste sufficiente spazio per sfruttare l’energia solare?

La risposta è “sì”, e lo dimostriamo con i numeri.

IN ITALIA

In Italia ogni anno si consumano 302TWh di energia elettrica di cui il 35% già da fonti rinnovabili.

Qualora volessimo produrre tutta questa energia con il solare fotovoltaico avremmo bisogno di installare ulteriori 164GWp di impianti per una superficie totale di 1.968kmq.

Uno spazio che equivale allo 0,02% della superficie del Sahara.

NEL MONDO

Nel mondo ogni anno si consumano 21.372TWh di energia elettrica di cui il 35% già da fonti rinnovabili (il solare rappresenta solo il 3% con 720TWh prodotti nel 2019, +22% su base annua – Fonte IEA.org).

Qualora volessimo produrre tutta questa energia con il solare fotovoltaico avremmo bisogno di installare ulteriori 11.220GWp di impianti per una superficie totale di 134.650kmq.

Uno spazio che equivale all’1,5% della superficie del Sahara.

FABBISOGNO ENERGETICO FUTURO

Ma ancora non basta perché la crescita demografica farà quasi raddoppiare la domanda di generazione elettrica entro il 2050.

Ebbene, secondo stime McKinsey & IEA, tali consumi si attesteranno intorno ai 44.000TWh (più del doppio di oggi). Avremmo quindi bisogno di una potenza solare totale installata pari a 23.153Gwp ed una superficie di 370.440kmq.

Ovvero, uno spazio che equivale al 4% della superficie del Sahara.

In ogni caso, i 44.000 TWh di consumi elettrici necessari corrispondono allo 0,005% di tutte l’energia che dal Sole raggiunge la superficie terrestre.

energia solare

Questa è la nostra mappa solare in proporzione per rappresentare quanto spazio dovrebbe essere occupato da impianti di solare fotovoltaico per soddisfare il fabbisogno energetico: italiano, globale e futuro.

L’energia solare potrà essere la soluzione?

L’energia solare può essere la via per raggiungere gli obiettivi di Parigi di riduzione delle emissioni del 50% entro il 2030. Sarebbe necessaria una potenza di 55 GWp, ovvero una crescita del +30% l’anno.

Ovviamente ci sono ancora molte critiche ci girano intorno allo sviluppo di queste tecnologie, come il costo dell’immagazzinamento e il riciclo dei suoi componenti, ma sono problematiche decisamente microscopiche rispetto ai benefici che ne potrebbero derivare e soprattutto rispetto ai danni che sta provocando l’utilizzo di combustibili fossili.

Esistono già molti esempi virtuosi sparsi in tutto il mondo. La grande sfida sarà quella di riuscire ad espandere dal micro fino al macro questi modelli di efficienza.

Come ci ricorda David Attenborough nel suo fantastico documentario “Una vita sul nostro pianeta”:
“La natura ci ha già mostrato la strada perché lei stessa l’ha già praticata in un equilibrio costruito in centinaia di migliaia di anni”.

Analisi e dati prodotti da Giorgio Mottironi, Chief Analyst GVF GreenVestinForum.it.

 

Facebook

Da non perdere

Tag

Copyright © 2019 Ener2Crowd | info@ener2crowd.com | Tel +39 351 8812284 | WEB + GRAPHIC DESIGN by Why Not Communication